A good swell

Designer: Massimo Farinatti

Materiali: Imballaggi protettivi srl

Produzione: Litoart srl

“A good swell” è il progetto per un display destinato al mondo fashion, un display che, attraverso l’uso dei materiali prodotti da Imballaggi Protettivi, è un contributo, un invito, un manifesto per la sostenibilità delle cose.

È un progetto che racconta il rispetto del mondo che ci circonda con l’uso di materiale riciclato e riciclabile, che alla fine della sua vita potrà essere ritirato per generare nuovamente un nuovo semilavorato da riutilizzare, entrando così in un processo circolare.

A firmare il progetto è l’architetto Massimo Farinatti che dichiara: “Credo che in ogni occasione progettuale, piccola o grande che sia, un designer abbia l’opportunità di contribuire alla qualità del quotidiano con oggetti di senso, sostenibili e in grado di creare connessioni”

L’elemento che caratterizza il progetto è la parete che, gonfiandosi come un’onda, esprime tutte le potenzialità dei fogli “i-printo wave”, ricavati da polipropilene rigenerato, PVC free e completamente riciclabili a fine vita che si presentano con un lato liscio e un lato corrugato, questi due lati sono stati stampati digitalmente da Litoart con il disegno di un mondo fantastico, colorato, un giardino tropicale dove esporre nuovi oggetti.

Le mensole sagomate sono realizzate in “i-printo twin” da 18 millimetri, pannelli alveolari con un cuore composto da due file di bolle sovrapposte, anche loro sostenibili come i pannelli verticali, stampati digitalmente con una grafica creata tramite algoritmi generativi per poi essere fresati, ed assicurati agli elementi portanti realizzati con lo stesso materiale che, opportunamente fresato e poi piegato su tre lati, rende la struttura stabile, in questi elementi portanti sono realizzati degli scansi attraverso i quali vengono fissati dei semplici sostegni che sorreggono gli elementi espositivi.

Base, top ed elemento intermedio orizzontale sono stampati con lo stesso motivo delle mensole sagomate.

Questi piani vengono lavorati con una fresatura che guida l’andamento delle pareti verticali per creare l’insieme espositivo.